Pronti per il gran finale? Ecco i nostri voti e pronostici!

Venezia 74 - ultimo giorno - Lido-Roads-10

Stasera si svolgerà la cerimonia di chiusura della 74^ edizione della Mostra del Cinema di Venezia, dove verranno premiati i film in competizione. Come tutti ci stiamo domandando chi saranno i vincitori e abbiamo deciso di condividere con voi i nostri voti. Abbiamo valutato da uno a cinque i film del concorso visti in questi giorni. Ecco la tabella completa.

 

Titolo Paese Voto Ari Voto Eli
Downsizing USA 3 3
First Reformed USA 2 4
Shape of water USA 5 5
Human Flow Germany 3 3
Lean on Pete Great Britain 1 2
Foxtrot Israel 5 5
Suburbicon USA 4 4
The Leisure Seekers Italy x 4
Three Billboards outside Ebbing, Missouri Great Britain 5 5
Una famiglia Italy 1 x
The Third Murder Japan 3 3
mother! USA 5 5
Ammore e Malavita Italy 2 2
Sweet Country Australia 2 x
Angels wear white China 3 3
Jusqu’à la garde Francia 3 3
Hannah Italia x 3

 

Sui 21 titoli in concorso ne abbiamo visionati 17 e tra questi proviamo ad azzardare chi potrebbero essere i vincitori dei premi più importanti del festival.

Risalendo la gerarchia dei premi della Mostra il Leone del Futuro andrà con ogni probabilità al film francese Jusqu’à la garde di Xavier Legrand, l’opera prima presente in concorso che costruisce con grande abilità la crescente tensione tra una coppia che si sta separando attraverso il problema dell’affidamento dei figli. Questo film è probabile possa conquistare anche un secondo premio, cioè il Mastroianni per il Miglior Emergente al giovanissimo Thomas Gioria.

Il premio per la Miglior Sceneggiatura ce lo aspettiamo per Three Billboards outside Ebbing, Missouri di Martin McDonagh. E’ un film che ha messo d’accordo critica e pubblico restando per tutta la settimana il più amato da entrambi, carta che potrebbe valergli l’accesso a premi più ambiti. Visti però i concorrenti con cui compete, speriamo che almeno porti a casa questo, che sicuramente è più che meritato. Inoltre il film potrebbe portare a casa anche la Coppa Volpi per la Migliore Interpretazione Femminile grazie a una sempre bravissima Frances McDormand. La Coppa Volpi per il Miglior Attore sembra invece papabile Donald Sutherland, per la sua interpretazione nel film di Virzì The Leisure Seeker.

Il Premio Speciale della Giuria non è facile da intuire, poiché i criteri per selezionarlo sono molto più arbitrari. E’ quel premio che può porre l’accento sul messaggio piuttosto che sulla realizzazione o dare un plauso a un film escluso dagli altri premi o dare riconoscimento a qualcosa di molto fuori dall’ordinario. Tenendo a mente queste ipotesi il film che si incastrerebbe bene con il primo intento è Human Flow, un documentario che però secondo noi è un po’ estraneo al concorso perché non si può né amare né disprezzare, essendo una testimonianza che si mostra per quello che è, una documentazione enciclopedica sul fenomeno migratorio. Risponderebbe invece alla seconda esigenza di premiare un film che non avrebbe riconoscimento altrove The Shape of Water, autoriale, piaciuto a tutti sia pubblico che critica, dolce, accomodante ma orginale. Infine per soddisfare invece un bisogno di premiare qualcosa di dirompente, il film su cui anche noi puntiamo è First Reformed di Paul Schrader, riflessivo ma forte, che ha il coraggio di porre lo spettatore di fronte a qualcosa di mai visto, con immagini e dialoghi molto solidi e diversi dagli altri.

Passiamo al Leone d’Argento, premio per la miglior Regia, che speriamo vivamente venga assegnato all’israeliano Foxtrot di Samuel Maoz. Un messaggio convogliato con una struttura non lineare e una regia per l’appunto inattesa e particolare, che serve la storia passo dopo passo.

Per il Leone d’oro invece puntiamo su mother! di Darren Aronofsky. Che dire? E’ un film che ha diviso, ma sicuramente non passa con indifferenza. Un lavoro strutturato con un costante rimpallo tra realtà e illusione, con una molteplicità di livelli di interpretazione incredibile, che parla al singolo e all’universale e crea una tensione fisica palpabile.

E’ possibile che questi due premi verranno magari invertiti, ma solo perchè, a nostro parere, potrebbe essere politicamente più corretto premiare un regista meno noto con un Leone d’Oro, per motivi di vendita e perchè Foxtrot ha sicuramente diviso meno di mother!.

Tutti i film di cui vi abbiamo parlato sono eccezionali, Venezia riconferma una selezione audace e ambiziosa che guarda a tutti i punti di vista. Come è visibile nella nostra tabella dei voti non sono mancati anche film che abbiamo considerato brutti, e ci sono anche diversi titoli che purtroppo non abbiamo visto e che quindi non sappiamo quali chance avranno stasera.

In generale possiamo dire di essere soddisfatte di questa edizione e…che vinca il migliore!

 

Leone d’Oro per il miglior film: mother! di Darren Aronofsky
Leone d’Argento – Gran Premio della Giuria: First Reformed di Paul Schrader
Leone d’Argento – Premio per la miglior regia: Foxtrot di Samuel Maoz
Coppa Volpi per la miglior interpretazione maschile: Donald Sutherland in The Leisure Seeker

Coppa Volpi per la miglior interpretazione femminile: Frances McDormand in Three Billboards outside Ebbing, Missouri
Premio per la miglior sceneggiatura: Three Billboards outside Ebbing, Missouri di Martin McDonagh

Premio Marcello Mastroianni a un giovane attore o attrice emergente: Thomas Gioria in Jusq’à la garde

 

Tonight will take place the closing ceremony of the 74^ edition of Venice Film Festival, in which will be announced the prizes. Like everybody else we are also wondering about the winners. We rated the movies in competition that we saw in this days and this is the list.

On the 21 titles in the competition we saw 17 and we will guess who is going to win the most important prizes in the competition.

Starting from the bottom the Future Lion will probably go to Jusqu’a la garde by Xavier Legrand, his first movie that builds very well a growing tension between a couple that is splitting and the problem of the custody of the children. This movie will probably win also the Mastroianni Prize for an Emerging Actor for the interpretation by Thomas Gioria.

The prize for Best Screenplay we hope will be assigned to Three Billboards outside Ebbing, Missouri by Martin McDonagh. It’s a movie loved by the public and by the critics, in the top of ratings for the whole week, and this can be the reason to achieve more important prizes. But looking to the other movies in competition we think is most likely that this movie will get this prize. This movie had also a great interpretation by Frances McDormand that probably will win the Volpi Cup for Best Actress. The Volpi Cup for Best Actor could go to Donald Sutherland for Paolo Virzì’s The Leisure Seeker.

The special Prize of the Jury it’s not so easy to guess because it depends on what kind of message the jury wants to send. Could be a prize for an idea or a universal message, or maybe a prize for a movie that couldn’t win other prizes, or to give a spot to something really original and provocative. This year the movie that can answer to the first possible scenario is Human Flow, a movie that can’t be liked or disliked, is just what it is, an encyclopedic journey through the immigration phenomenon. If they choose to give a prize to a movie that wouldn’t get credited easily somewhere else, the one to reward is The Shape of Water, authorial, liked by everyone from the critics to the public, sweet, accommodating but original. In the end to give a prize to something disruptive, we are betting on First Reformed by Paul Schrader, reflective but strong, that has the courage to put the spectator in front of something never seen before with an impact of images and dialogues very strong and different from the others.

For the Silver Lion for Best Director we hope that will be awarded Foxtrot by Samuel Maoz, that tells a good story, with a nonlinear structure, using a peculiar style of direction.

For the Golden Lion we are betting on mother! by Darren Aronofsky. It’s controversial, but we can’t ignore it. A work on the line between reality and illusion, with so many levels of interpretation, that talks to everybody and creates a physical tension in the audience.

It’s possible that this two prizes will exchange places, maybe because the jury can think that it could be more politically correct to reward with the Golden Lion the lesser known director Samuel Maoz and not a movie as provocative as mother!.

All the movies we talked about here are exceptional, and confirm that Venice is bold and ambitious with his selection. You can see in our list that there were also a lot of movies that we didn’t like and also some that we couldn’t watch, and so we don’t know if they can be awarded. But we can say that we are really satisfied about this edition and now…may the best win!

 

Golden Lion for Best Film: mother! by Darren Aronofsky

Silver Lion – Grand Jury Prize: First Reformed by Paul Schrader

Silver Lion – Award for Best Director: Foxtrot by Samuel Maoz

Coppa Volpi for Best Actor: Donald Sutherland in The Leisure Seeker

Coppa Volpi for Best Actress: Frances McDormand in Three Billboards outside Ebbing, Missouri

Award for Best Screenplay: Three Billboards outside Ebbing, Missouri by Martin McDonagh

Marcello Mastroianni Award for Best Young Actor or Actress: Thomas Gioria in Jusq’à la garde

 

Articolo: Arianna Vietina

Traduzione: Elisa Biagiarelli

Commenti

commenti

Posted on September 9, 2017 in Festival

Share the Story

About the Author

Leave a reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Back to Top