Dimenticate la prova costume! L’Elefante Astrologo ha di meglio per l’estate!

Oroscopo Cinematografico Estate 2017

Siete in ansia per le feste in spiaggia, gli after, le serate in disco e i cocktail colorati che vi aspettano nei prossimi mesi? Prima di partire in quarta verso un’altra estate magica, sedetevi a guardare qualche bel filmetto, in compagnia dei consigli del nostro mistico Elefante Astrologo.

 

Ariete:

Come fossi un camion dell’immondizia targato Tesla, ti vanti delle tue emissioni zero, del tuo silenzio e dei tuoi innumerevoli gingilli tecnologici. Ma ignori che alla gente non importa nulla, dato che è costretta a sorbirsi il fetore della merda che hai in serbo per loro. Sembri davvero a tuo agio nel raccattare in giro il peggio delle persone, a triturartelo dentro, come se la pace interiore fosse questione di digestione. Sei come Wall-E, sperduto nel tuo pianetino, a impacchettare rottami di persone che non hai mai conosciuto davvero.

Ora, non dovrei dirlo, ma l’estate è un buon momento per scaricare detriti in mare. Se non dici a nessuno che te l’ho detto, per quanto mi riguarda, quest’estate puoi anche cagare in testa alle persone, se questo può aiutarti a stare meglio. Per convincerti a diventare l’ennesima prova vivente che dal letame nascono i fior, ti consiglio uno storico capolavoro che prende tutte le brutture venete e le trasforma in arte. Così non dovrai più vergognarti di quanto fai schifo.

Signore e Signori

 

Toro:

Di recente al festival di Cannes, la Troma,  la leggendaria casa di produzione di cinema trash, è stata fermata dalla polizia perché manifestava in nome del proprio cinema in atteggiamenti offensivi per il buon costume. In pratica, la melma verde e i mostri ributtanti non si addicono ai tappeti rossi e ai mostri inghirlandati. Vedi, tu adori la Troma, anche se ancora non lo sai, ma dentro di te la tratti senza pietà. Una volta una mia amica si è innamorata di un tipo perché questo le aveva vomitato in faccia durante una sbornia, diceva che ne aveva apprezzato la sincerità. Allo stesso modo, Toro, ti consiglio di sfruttare questa estate per abbandonare il concetto di disgusto in favore di una creatività controcorrente. Fatti arrestare, sul serio. E’ il consiglio più sincero che io possa darti. Quale migliore vanto per un possente Toro che l’esser stato galeotto per offesa al buon costume. Ecco, la tua prova costume quest’anno ha un peso del tutto filosofico perché la parola “costume” va intesa in senso lato. Per questo  ti consiglio la storia d’amore più scostumata che abbia mai visto.

Tromeo & Juliet

Gemelli:

Nel mio mondo fatato popolato da unicorni rosa, mi piace immaginare un futuro dove gli smartphone servano effettivamente a qualcosa. Si parla tanto dei rischi che l’eccesso di tecnologia porta all’interazione umana, ma io ho una speranza segreta che credo risolverebbe tutti i problemi del mondo. Sono abbastanza sicuro che, prima o poi, gli oggetti tecnologici vivranno di vita propria, ma ho molti dubbi sui criteri che utilizzeranno. Perché dovrebbero ucciderci o schiavizzarci? I forni microonde non sanno niente di coercizione. Quello che spero accada è che i computer inizino ad agire completamente a caso, realizzando manovre imprevedibili, tanto prive di senso da essere innocue. In questo modo, prima o poi, gli smartphone chiameranno le persone giuste, scriveranno trattati di pace e comporranno poesie che potremmo, per una volta, attribuire all’umanità, piuttosto che a un bistrattato autore. L’arte raggiungerà  così uno stadio di fruizione ed efficacia mai visti prima e, forse, inizierà ad essere apprezzata davvero. Non vedo l’ora di leggere bandi europei per la creazione di telefoni che non funzionano. Pagherei volentieri il 5×1000 alla ricerca di cose rotte.
Quello che sto cercando di dirti, Gemelli, è che tu sei l’unica speranza per questo mondo imperfetto fatto di uomini perfetti. Inverti il paradigma, tu che puoi, prendi spunto da:

Fuori Orario

Cancro:

Uno dei miei traumi d’infanzia che raramente racconto, è quello di quando, a circa 6 o 7 anni, trovai dei giornaletti porno infangati dentro una catapecchia abbandonata. Le tette già all’epoca non mi scandalizzavano più di tanto, tutto merito di Silvio e dell’avvento di Mediaset, ma ci fu un’immagine che mi tormentò per giorni. Nel giornaletto in questione, c’era un grosso membro, splendidamente fotografato, dal quale sgorgava del liquido bianco che, oltrepassando una montagna di corpi avvinghiati e in estasi, colpiva la bocca spalancata di una donna. Io, non avendo alba di cosa fosse lo sperma, mi spaventai, perché intuii che gli adulti, per fare i bambini, avevano bisogno di pisciarsi in bocca.
Per me, è stata una lezione di vita importante, che oggi voglio condividere con te: a volte, il mondo ci parla con un linguaggio che non conosciamo, ma ciò che è peggio è che spesso ha pure torto, quel maledetto. I bambini non si concepiscono pisciandosi in bocca, giusto? Quindi perché ti convinci di dover essere chi non sei, di dover comporre quel numero che speri non risponda e di dover pisciare in bocca al chi non se lo merita? Il mondo è pieno di giornaletti porno meno ambigui ma altrettanto validi, pertanto ti consiglio, prima di tutto un buon sito porno: yespornplease.com fa’ al caso tuo. E poi, per finire, un film pieno di linguaggio misteriosi e poetici che sapranno farti dimenticare lo scempio che ti ho appena costretto a leggere.

Film Blu

 

Leone:

Se fossi un insegnante di liceo, odierei a morte gli adolescenti. Perché sarei costretto a invidiarli, tutti i santi giorni, per la loro gioia e la loro leggerezza. Adesso sarebbe anche tempo di scrutini e mi vedrei costretto a bocciarli tutti. Perché sarei convinto di fare il bene, cercando di lasciarli lì, per sempre. Credo che tu faccia un ragionamento simile quando ti trovi davanti qualcuno che vive la sua vita meglio di come non stia facendo tu. Credo si chiami narcisismo, l’atteggiamento di chi svaluta qualcuno per non sentirsi una merda. Vogliamo una volta e per tutte fare i conti con questa bruttura e amare anche ciò che è meglio di noi? Non bocciare i tuoi pensieri adolescenziali solo perché non hanno spazio nella tua mente sicura e ordinata. Questa sembra essere un’estate propizia per tutti, secondo gli astri, eppure qualcosa mi dice che tu farai fatica ad approfittarne. Per punizione, quest’estate ti consiglio di guardare un sacco di film melensi. L’unico film decente che ti consiglio è:

Ma Loute

Vergine:

Fissare il soffitto è ultimamente il mio passatempo preferito. Sai cosa ho scoperto? Che fissando il soffitto mi ricordo che qualunque cosa io abbia da fare, potrei anche non farla, e questo non mi impedirebbe di continuare a fissare il soffitto. Se invece non facessi ciò che devo mentre sto girando un film o salvando il mondo con una ricerca sulle piattole, non potrei continuare a fare quello che sto facendo, perché non lo starei facendo. In pratica se non fai nulla, realizzi che non puoi non non fare nulla perché stai già non non non facendo nulla. Ecco che il mondo inizia ad avere un senso, non trovi? No? Lo vedi, non capisci perché sei una vergine. Che fine hanno fatto le piccole cose inutili che ti aiutavano a rilassarti, dove hai lasciato la tua capacità di rasserenarti con un succo e un ombrellino di carta? Ti consiglio di goderti queste vacanze, perché se fissi il soffitto nessuno potrà sottrarti al piacere di farlo. Al bando i piani quinquennali, dedicati ai millisecondi. Un millisecondo per il tetto, un altro per i lacci delle scarpe e un’altro ancora per il tuo partner annoiato. Annoialo a morte e vedrai che avrai il suo amore, promesso.
Ti sei accorto che ti ho appena messo nella condizione ideale per goderti un bel film? Inzia con:

Quel pomeriggio di un giorno da cani

Bilancia:

Una domanda che tutti vorremmo fare a chi non abbiamo mai conosciuto è: “mi trovi carina?”. Porre questa domanda a uno sconosciuto è l’unico modo per sperare di beccare, per statistica aleatoria, una risposta sincera. Quante volte le formalità ti impediscono di porre le domande giuste e di ricevere risposte sensate? Io ad esempio ho il dubbio di sembrare autistico, e ho le prove che potrebbe essere così, ma chi mai me ne darebbe conferma senza cercare di ammorbidire la verità e mettere in dubbio le mie certezze? Le formalità in pratica distruggono le risposte che potrebbero effettivamente tornarci utili. E allora come facciamo a capire se offrire da bere o invitare a cena chi ci attira? Per dire di sì a chi vogliamo portarci a letto, dobbiamo dire sì o no? Quella cazzo di acconciatura nuova è bella o brutta? L’estate è il boss finale di questi giochi contorti. Le formalità si diramano, si moltiplicano e diventano sempre più informali, e nell’agone delle informali formalità, Bilancia, che tu voglia scopare o passare una serata tranquilla, chiedilo a te stessa se ti trovi carina. E datti qualunque risposta ti sia gradita.
Per i poteri da nessuno conferitimi, dichiaro che le tue risposte sono le uniche vere. R-Amen (NB: sono pastafariano). Per te, che sai che alla fine ti voglio bene, un film proppiobellocheèbelloebbastaetelodeviguardàpeffozza.

Time

 

Scorpione:

I discorsi motivazionali motivano solo la gente che nella vita vuole fare discorsi motivazionali. Non è un caso infatti che il Papa sia di recente intervenuto a un TED Talk per farci la predica sul fatto che dovremo tutti fare la predica agli altri. Ma cosa ne è degli spettatori sani di mente, quelli che, magari, sono interessati ai contenuti? C’è differenza tra chi ascolta e chi ascolta partecipando, la stessa differenza che c’è tra un’oca in foie gras e un sofisticato sommelier. Mentre l’oca muore inebriata da sapori che non fa in tempo a sentire, il sommelier fugge la sbronza per tenere viva la sua attitudine a cagare il cazzo. Il mondo è pieno di vini orrendi ed è lodevole che qualcuno sappia goderseli senza trascurarne i difetti. Per questo, Scorpione, quest’estate ti implora di diventare un’ascoltatore partecipante professionista, rompi le balle a tutti, te lo concedo, ma regalaci un mondo migliore, ti prego. Fai come Philip Seymour Hoffman che, in questo incredibile film, interpreta il regista più pignolo della storia.

Sineddoche New York

 

Sagittario:

Tu sei come il servizio assistenza e riparazione della mia statua del buddha bluetooth. Chiaccherando con un Sagittario, mi sono lasciato convincere tempo fa a comprare questa statua che, in teoria, dovrebbe fungere anche da cassa di amplificazione e riprodurre la musica del mio cellulare. Nonostante non abbia mai funzionato, il servizio assistenza continua a darmi consigli su come provare ad aggiustarlo. Mi hanno consigliato di tutto, dai chicchi di risi all’ouja in codice binario. Il buddah è andato, ma gli omini dell’assistenza, distanti e misteriosi, sembrano tenere tantissimo a lui e non si danno per vinti. Questa storia mi ricorda un po’ te. Non tanto per il buddismo che sono certo tu non sappia apprezzare abbastanza, ma per i tentativi inutili nei confronti di storie morte in partenza. Perché non ti accorgi che se una statua ha la forma del buddah e sostiene di essere anche una cassa di amplificazione probabilmente è una ciofeca?
Quest’estate ti consiglio un po’ di stalking. Dato che sei così tordo nel trovare le persone giuste con cui avere a che fare, mettiti comodo in spiaggia, o in mezzo a una piazza affollata, e fissa chi ti attira come fossi un pervertito. Forse finirai in galera, ma perlomeno potrai dire di essere stato accorto.
Nel film che ti consiglio, Mel Gibson è un grande esperto di stalking, nonché vittima di strane turbe e ossessioni. È povero in canna, pazzo e inutilmente innamorato di Julia Roberts. Impara da lui come si fa a sopravvivere.

Ipotesi di Complotto

Capricorno:

Nel suo discorso di ringraziamento per il premio Griffith alla carriera, Stanley Kubrick ha cercato di spiegare la sua personalità proponendo una rivisitazione del mito di Icaro. A detta sua, la morale della storia è stata goffamente interpretata dalla società poiché non ammonisce l’uomo a non avvicinarsi troppo al sole, ma bensì a fare un lavoro migliore sulle ali. Kubrick aveva però dimenticato di stare parlando a dei comuni mortali.
Dal mio punto di vista, Stanley può anche usare il sole per farsi un bbq, ma tu dovresti starne alla larga. Ricorda, Capricorno, Kubrik è una divinità. Tu no.
Viviamo in un mondo dove YOLO, you only live once, è praticamente un invito al suicidio. Per quale motivo l’essere umano dovrebbe scegliere i rollerblade, quando ha le pantofole? Perché rischiare la vita in un safari, quando può farsi una scampagnata?Quest’estate, divertiti pure, ma sappi che né il Sole né la Terra ti vogliono. Perciò stattene buono amico mio, che è meglio per tutti. E’ a questo che servono i film, dimentica i festini al monte olimpo, svaccati sul divano e guardati:

Una canzone d’amore per Bobby Long

 

Acquario:

Se mi chiedessi dei consigli per entrare nel mondo del cinema, non avrei dubbi su dove indirizzarti. Ti basterebbe proporti come ciakista. Dico sul serio. Il ciakista è un mestiere aleatorio che non fa ufficialmente nessuno ma che alla fine, soprattutto nell’indipendente, fanno tutti. Vuoi sapere perchè? Perché il ciakista è il signor nessuno che ha il diritto di mettersi al centro dell’attenzione, sparare numeri a caso e sgusciare via. Il ciakista inoltre, non solo ha il diritto di stare al centro dell’attenzione, ma anche di aspettare che tutti gli altri facciano assoluto silenzio. È la massima ambizione per ogni Acquario. Non avere un cazzo da dire, ma dirla a squarciagola obbligando gli altri ad ascoltare. Saresti bravissimo, ne sono certo.

Ma adesso arriva il consiglio che non ti aspetti. La fortuna del ciakista è il fatto che, proprio perchè deve stare al centro del set, ha la possibilità di osservare tutte le mansioni principali all’opera. Il ciakista quando ciacca ha di fronte a sé una mappa precisa di come funziona il set, o per lo meno tutte le volte che alza lo sguardo e si fa furbo. Capisci, Acquarietto impertinente, che ti sarai già lamentato dei miei consigli strampalati? Se per una volta ti comportassi da perfetto idiota, non solo avresti l’occasione di farti ascoltare, ma soprattutto di osservare le reazioni degli altri e capire con chi hai a che fare. Butta via quel maledetto cv, e tira fuori la tessera di una discoteca per anziani, o di una ludoteca anni ottanta. Il film per te, quest’estate, è:

Ace Ventura – L’acchiappanimali

Pesci:

Una delle conversazioni più tediose che sono spesso costretto a sostenere è quella legata al cinema di genere. C’è gente a cui non piacciono i film di guerra, ma che adorano Malick e allora dedicano la serata a spiegarmi che La sottile linea rossa non è un film di guerra. A pensarci bene, dovrebbero creare un genere apposito, chiamato il non genere, per riuscire a dar pace a queste strane figure post-moderne.  Così Her sarebbe un non film di fantascienza e Il Cacciatore e Apocalypse Now sarebbero altri bellissimi non film di guerra che chi odia il genere può godersi in santa pace.

Balle. E’ come se un leghista si sposasse una cingalese dicendo che è una non nera. Come quando tu, Pesci, trascuri i tuoi moti salutisti convincendoti che la carbonara delle due di notte sia un non cibo spazzatura – e poi ci dai dentro di patatine dell’Ins e non pago ravani il frigo in cerca di quel budino aperto la settimana scorsa. Sei un diversamente idiota, se continui a sperare di far quadrare le tue macchinose categorie esistenziali. Sappi che nella vita ci si può anche innamorare dei ciccioni, commuoversi con i film di Todd Phillips e ballare tutta la notte come deficienti anche se si predilige lo yoga. Quest’estate voglio vederti trasudare spontaneità. Apri gli occhi a ciò che è fuori dai tuoi schemi e, se devi andare al mare, fallo solo di notte, quando niente ti sarà chiaro, a parte l’essenziale. Ma prima guardati:

Da che pianeta vieni?

Commenti

commenti

Posted on June 9, 2017 in L'Elefante Astrologo

Share the Story

About the Author

Leave a reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Back to Top