Questo Aprile l’Elefante Astrologo è imbizzarrito: più film per tutti!

oroscop aprile elefante astrologo

“Aprile non ti scoprire” dicono, e con il meteo ci siamo. Ma agli astri, e soprattutto ai consigli cinematografici per le nostre serate, chi ci pensa? Il nostro Elefante Astrologo!

 

Ariete:

Un famoso rituale delle isole Trobriand recita: “Una volta nel Kula, sempre nel Kula”. Devi sapere che si tratta di un importante momento di scambio che le popolazioni locali affrontano con molta serietà. Per quanto tu non riesca ad apprezzarne la valenza comunitaria e ti sembri solo una metafora della tua stipsi, il Kula è proprio ciò che ti manca. Continua pure a credere che io stia parlando della “fortuna” ma ascoltami bene: se non esci dai tuoi schemi solipstici la prenderai nel kula. Prova a immaginare come sarà la tua comunità fra vent’anni, fai lo sforzo di creare un futuro verosimile. Per darti una mano, ti suggerisco un film che c’è riuscito: un film che una volta era di fantascienza, ma ora non lo è più.

New Rose Hotel

Toro:

Il giro di boa è il momento migliore di ogni film. Mi riferisco a quei momenti in cui sembra che la vicenda stia per concludersi e invece va tutto storto. È lì che finalmente il film inizia davvero. È un giochino di sceneggiatura così banale che anche Venditti c’ha fatto una canzone: “E quando pensi che sia finita è proprio allora che comincia la salita”. Eppure non mi stancherei mai di vedere Bruce Willis lanciare un cadavere da una finestra per attirare i rinforzi, o il T-Rex papparsi il personaggio antipatico nascosto nel cesso. Dei tuoi giri di boa però, Toro, sono stanco. Smettila di arrotarti sulle tue paturnie e accetta una volta e per tutte che la vita va così. Mentre il T-Rex ammazza tutti, tu stai ancora a preoccuparti del triceratopo con la diarrea. Nel film che ti suggerisco, il giro di boa è chiaro come il sole. Il personaggio lo dice ad alta voce “Questo.. è… il… mio… punto… di… non… ritorno”. Bene Toro, questo mese affronta il tuo punto di non ritorno con un fucile a pompa e fai quello che ti pare.

Un giorno di ordinaria follia

Gemelli:

Questa notte ho sognato Emir Kusturica che mi ha dato un insegnamento di vita: “Ci sono due modi di usare un’idea, per proteggersi dal vento o per cavalcarlo.” Questo mese voglio consigliarti un film che ti permetta di cavalcare le tue idee senza vergogna, un film speciale, un cult, a dir poco. Se lo hai già visto, meglio ancora, il punto è proprio quello. Sai bene che vale la pena di rivederlo, come varrebbe la pena di re-incontrare il tuo/a ex, o la tua mamma a cui non sorridi da troppo tempo. Nel film 5 minutes of heaven, un sopravvissuto a una strage familiare ha l’occasione di incontrare in tv l’assassino dei suoi genitori. È questo il compito che voglio affidarti questo mese, riguardati un film che hai odiato ma che non ricordi più. Affrontalo come faresti con il tuo/a ex. Cavalca il vento con le tue idee, senza vergognarti della loro assurdità. Il regista Jodorowsky è un mago nel riproporre antiche convinzioni sotto nuove prospettive, come per esempio in questo film, considerato il suo capolavoro:

La montagna sacra

Cancro:

C’è un bug del sistema che blocca la mia connessione astrale con te, da qualche giorno le tue stelle sono troppo lontane per permettermi di carpire qualcosa di sensato. Ricevo visioni strane, come la vacca di Twister spazzata via da una tromba d’aria, o Matt Damon che mi offre delle patate dal pianeta Marte. Devo dedurre che non siamo molto sincronizzati con noi stessi, amico mio. Cosa sta succedendo?

Quando le stelle sono fredde come meteoriti, è al calore della terra che dobbiamo rivolgerci. Per questo, per aiutarti, faccio appello alla rurale saggezza della nonna: “Aiutati che Dio ti aiuta”.

Se intorno a te tutto sembra vacuo come i film di Sorrentino, lascia perdere il noiosissimo cinema italiano e dai sfogo ai tuoi genuini sogni di spaccare tutto. Hai il mio benestare. Daje Cancro, spacca tutto! Il film che ti consiglio è il modo migliore per iniziare.

Ralph Spaccatutto

Leone:

Allora Leone, cerchiamo di fare chiarezza. Se sei coinvolto in un lavoro importante, non ti innamori del boss perché fa qualche apprezzamento sulla tua criniera. Se decidi di darti al ballo caraibico, non organizzi uno sciopero dei ballerini perché il caraibico quest’anno non tira più. Bresson lo sapeva bene, in Un condannato a morte è fuggito indovina cosa fa il condannato a morte? Fugge. Non prepara delle slide per gli altri carcerati per spiegargli l’antropologia della convivenza coercitiva. Ecco, tutto questo per dirti che a volte ti complichi un po’ troppo la vita. Se i miei esempi ti sembrano astrusi, sappi che sono fatti della tua stessa pasta, estrapolati direttamente dai tuoi astri che questo mese sono un po’ stufi. Per esorcizzare una volta è per tutte la tua ossessione per le complicazioni, ti suggerisco un film come te, bello è complicato. Sta a te decidere se prendere spunto dall’una o dall’altra caratteristica per le tue prossime scelte di vita.

Il segreto dei suoi occhi

Vergine:

Francis Ford Coppola ha dedicato la sua vita a un cinema complesso, corale, profondo e sincero. Ultimamente però ha spostato i suoi interessi verso orizzonti più mistici e impalpabili, combinando stili diversi, in certi casi facendo anche dei pastrocchi.

Sembra che si stia comportando da Vergine, ripudiando il passato in cerca di qualcosa di più grande. Come da moccioso, quando hai scoperto il Bounty e hai deciso che il Twix era roba per checche. Come quella volta che hai dato via i tuoi album di figurine perché ormai andavano di moda le schede telefoniche. Potrei spendere ore a farti esempi del tuo esistenzialismo warholiano, ma mi limiterò a suggerirti di frenare la tua compulsività verso il senso delle cose. Francis ha speso l’intera vita a comprendere dinamiche complesse e universali. Ecco, lui può. Tu no. Vedere per credere.

Twixt

Bilancia:

Spike Lee ha annunciato di aver pronto un film sulla vita di Heath Ledger. Ti ricordi di lui? È morto dopo una grande performance, ma anche a causa di essa. Il documentario di Spike promette verità e sentimento sulla psiche sofferente di un eroe dei nostri tempi, quello insomma che prometti tu a te stesso tutti i giorni quando fumi la prima sigaretta e dici “domani smetto”. Questo mese, verità e sentimento sono solo brutte parole. È il caso di ridimensionare le aspettative, perché, come converrai con me, è un peccato che Heath sia morto, ma farci un film sui film che non ha fatto dopo il film che l’ha ucciso è un filmino familiare hollywooddiano che non ci interessa. A te serve un film che ti dica dove andare, non dove tornare. Preparati a una nuova avventura, stavolta facciamo sul serio. Il film che ti consiglio ha quella scomoda grandiosità e quella balsamica semplicità che ti contraddistinguono. Se non fosse per il finale, direi che il film è stato scritto da una Bilancia. Ma se l’avessi scritto tu, probabilmente non sarebbe mai finito.

Another Earth

Scorpione:

È risaputo che il film Elle tratti di una donna che si fa giustizia da sola. Guardando il film però, si scopre che non è vero. C’è un solo modo per disingarbugliare la matassa, ammettere che il film non l’ha visto nessuno. Punto.

Le menzogne lampanti sono il tuo forte, Scorpione. Quante volte ti fai dei filmini che non esistono solo perché ne hai sentito parlare da qualcun altro?

Questo mese vai in controtendenza, lascia perdere i pesci d’aprile, prendi dei veri pescioni; senza scandalizzarti se sei donna, senza paura di prenderli in faccia se sei uomo. Se temi la verità, come Maria Schneider teme il burro, niente panico. Per te questo mese ho pronto un delicatissimo film dall’incalzante ticchettio, un film inesorabile, dove la verità, vuoi o non vuoi, alla fine arriva. Tic, tac, avrai il coraggio di guardarlo fino in fondo?

Sette note in nero

Sagittario:

Le tue capacità comunicative sono incisive quanto l’arte rupestre. Nonostante ultimamente tu creda di aver trovato la tua stele di Rosetta, è con il tuo comportamento troglodita che devi avere a che fare. Hai poche speranze, ma se guardi i film giusti puoi farcela. Per il momento la sala cinematografica è un posto pericoloso, potresti incontrare la prossima scusa per mandare in malora la tua storia d’amore.

Ti consiglio invece di chiuderti in casa, ascoltare bluegrass e mangiare tacos. Non ti biasimerei se ti facessi una scorpacciata di Fantozzi e Lino Banfi, ma siccome ho fiducia nella tua capacità di rinnovamento, ti propongo un film-ripasso delle basi della comunicazione. Per fare questo film, il regista si è circondato di una squadra di linguisti esperti, per portare a te, egregio segno pignolo, un film più unico che raro. Non vorrai, come al tuo solito, disdegnare tanto impegno da parte degli altri. È del tuo sollazzo che si sta parlando, dopo tutto.

La guerra del fuoco

Capricorno:

Tony Montana, incazzato dall’inizio alla fine. Muore male. Clint Eastwood in Gran Torino, incazzato per partito preso. Muore male. Robin Williams, gira The angriest man in Brooklyn, poi muore. Non vedi che il cinema sta cercando di dirti qualcosa? Certo, tu non capisci, quando mai hai capito qualcosa della vita? Proverò di seguito a spiegarti cosa penso della rabbia:

Niente, appunto. Quando sento un Capricorno urlarmi contro, mi ricordo di vivere in una città rumorosa, fingo di trovarmi in mezzo al traffico e prego che l’ora di punta finisca presto. Tu sei come Star Wars. Mentre il mondo si prepara a un traffico silenzioso grazie alle auto elettriche, tu continui a farmi sentire le esplosioni nello spazio. Cambiamo rotta Capricorno. Fra le tue stelle benevole, questo mese non c’è spazio per le spade laser. Stavolta è meglio star calmi, ridersela un po’, magari con l’umorismo vagamente politico di Benigni. Dai su, guardatelo, non fare storie.

Berlinguer ti voglio bene

Acquario:

L’idea peggiore inventata dal sogno americano è quella che non ci sia niente di peggio del talento sprecato. Ecco, il talento sprecato del sogno americano è proprio quello di convincere la gente di cose inutili. È colpa sua se, quando ho imparato a centrare la tazza del cesso, mi sono immaginato di vincere la medaglia d’oro ai campionati mondiali di pipì. Non oso immaginare quante idee malsane abbia avuto tu, Acquario.

È ora di imparare a sprecare tutti i tuoi talenti. Sappi che buttarsi via comporta l’immensa gioia di liberarsi di chi si aspetta il massimo da te ed è un sollievo per le arterie, che possono finalmente smettere di pompare ansia.

Stiamo parlando del tormento più cinematografico del mondo, ne soffriva Marilyn, Audrey e probabilmente anche tua madre, ma nessuno sfortunatamente c’ha mai fatto un film. Infatti non so dove trovare un film sul chi se ne fotte del talento sprecato, però ho trovato questo, dove tutti hanno un sacco di talento ma il messaggio alla fine sembra essere “e chi se ne frega?”.

Maverick

Pesci:

Indiana Jones è il classico eroe che esce sempre indenne da ogni situazione, ma ormai è roba vecchia. Concorderai con me che il quarto episodio è una delusione totale, proprio perché nessuno crede che nascondersi dentro un frigorifero possa salvarti da un’esplosione atomica. Eppure sono anni che le tue chiappe vanno a fuoco, ma non te ne accorgi perché ti senti al sicuro dentro il tuo scompartimento segreto.

Questa volta, Pesci, voglio che tu sia realistico di fronte le difficoltà della vita. Ciò che tieni nel tuo frighetto ha scopi ben precisi. La birra serve a sbronzarsi, non a dimenticare. I carciofi sono fibre utili a defecare, non ti cureranno il fegato.

So che il realismo ti confonde, per questo eviterò di consigliarti un vero e proprio film, optando invece su qualcosa che gli assomiglia, qualcosa che puoi sempre usare come scusa per cazzeggiare. Per te, questo mese, un bel film facile facile, così ti distrai un po’. Ma dopo promettimi che ti metterai all’opera. Che ne dici di…

Gatto nero, gatto bianco

 

Commenti

commenti

Posted on April 6, 2017 in L'Elefante Astrologo

Share the Story

About the Author

Leave a reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Back to Top