L’Elefante Astrologo sa come vi andrà febbraio!

ARIETE

Per degli attivisti nati come voi, non esistono barriere che tengano. Eppure nella vita non c’è tempo per fare tutto quello che vorreste. Non potete battere ogni record, scordatevelo. La vostra corsa è un modo di scappare. Non si può sempre lottare. A volte è meglio abbandonare l’arsenale, nascondere una pistola nella ventiquattrore e aspettare di usarla solo se ne vale la pena. Nell’attesa di rendervi utili al vostro destino, esercitatevi allo specchio ad assumere un buon accento siciliano, in qualche modo vi tornerà utile, parola di elefante astrologo. Non occorre che sia un accento perfetto, cercate solo di impegnarvi, come ha fatto Monica Vitti in questo film. So già che non vedete l’ora di tornare a combattere, allora intanto preparatevi guardando:

La ragazza con la pistola

 

TORO

Nel film che vi sto per consigliare c’è un tizio disperato perché ha troppi rapporti sessuali. Non ci crederete, ma non ne può più. E si impegna anche un sacco. Lo sappiamo, per uno bello come te, Toro, è difficile sfuggire ai piaceri della vita. E a volte giustamente te ne lamenti, chissà se in fondo quei piaceri sono veramente guadagnati? Il protagonista del film, che è più bello di te, si strugge per un’immensa sofferenza che commuoverebbe chiunque. Però bisogna ammettere che indossa una sciarpina deliziosa, di una dolcezza che non immagini. Quella sciarpina tanto carina è il punto di partenza della tua salvezza. Smettila di interrogarti sui massimi sistemi, guarda la sciarpina.

Shame

 

GEMELLI

Al momento non c’è segno che si vergogni più di te. Dopo pochi giorni dall’inizio del suo mandato, il Gemelli più famoso del mondo, Donald Trump, ha dato sfogo a una retorica di prim’ordine, quasi più articolata del discorso di compleanno di Bilbo Baggins. Con quel suo ciuffetto che, ammettilo, ti ha fatto dire “ma sì, io lo voterei”, si è preso diritti che solo un Gemelli della peggior specie si prenderebbe. Ti consiglio di rivedere accuratamente il tuo recente piano murario, lo so che vuoi proteggerti dal resto del mondo, ma non è il caso. Il tuo turbatissimo Te non ne può più di castelli in aria e menzogne. Quante volte lo hai illuso e hai poi chiuso i ponti con scuse assurde alla Woody Allen? È ora di abbattere quei muri! Così saresti anche in controtendenza e potresti vantarti della cosa. Mentre ci pensi, guardati:

The Wall

 

CANCRO

Dentro ognuno di voi si cela un convinto antifemminista, maschi o femmine che siate. Sapete bene che ogni tanto l’estrema destra fa breccia nei vostri cuori e vi seduce con la sua statuarietà, il vostro motto è “Il marmo di Carrara tira più di un pelo di figa”. Ammettetelo, vi piacerebbe assai un mondo dove i ruoli sono ben saldi, inamovibili, ineccepibili come un Canova. Che importa se quel proverbio ve lo siete inventato. Vorreste tutti una mogliettina educata e devota, o un burbero marito bracconiere che vi rimpinza di selvaggina in cambio di figli maschi. Quanto vi piace questo scenario, vero? Avete mai contato le volte che siete andati a votare ubriachi, cercando di sbagliare senza sentirvi in colpa? Spero per voi che non ci siate mai riusciti.

Per dare sfogo al vostro lato sadico e destrorso, così da scovarlo e ucciderlo una volta per tutte, date un occhio a:

La donna scimmia

 

LEONE

Fiù!, bum!, swish! La profondità del vostro linguaggio descrittivo è forbita quanto quella di un futurista dislessico. Quando Marinetti a teatro alternava gargarismi a colpi di tosse, è con voi che cercava di comunicare. Ma, presi da un’inscalfibile autostima, pensavate che fosse una tempesta, fuori dal teatro, che vi chiamava a gran voce. Tu Leone, sei così forte che puoi combattere solo contro te stesso, altrimenti vinceresti troppe volte. Ma non potrai mai vincere contro te stesso se continui a parlargli con infantili onomatopee. Imbraccia un dizionario e torna dentro con il coraggio che ti contraddistingue, tanto va a finire come in:

Enemy

 

VERGINE

Sempre tutto sulle tue spalle, eh? Ti reggi in piedi perché sei convinta di giocartela sempre come vuoi e le altre persone fanno finta di non vedere il tuo qualunquismo. Tutto, pur di darti ragione. Sei sempre così radiosa, Vergine, ignara di cosa stai combinando. Dovresti scendere in politica proprio perché sei bravissima a illuderti di imbroccarle tutte, anche se è palese che stai sbagliando ogni cosa. Vorrei poterti distrarre dalla tua ascesa al trono, ma so che non riuscirei a convincerti che non c’è nessuna vetta da conquistare. Non questa volta almeno. Ma se proprio devi farlo, fallo con eleganza, l’unica dote caruccia che ti rimane. Indossa le autoreggenti più sexy, ossigenati i riccioli, armati di vacuità e vai. Questo mese ti chiameremo:

Coffy

 

BILANCIA

L’antropologo Gregory Bateson diceva che le cose importanti vanno sempre tra parentesi. Questo non ti giustifica dal credere che la pagina facebook (A CASO) sia la cosa più importante della tua vita. Non scherzo, tu pensi veramente che il nonsense sia l’unica ragion d’essere. Detto tra parentesi, è solo una scusa per non scegliere. Se leggessi di più fra le parentesi delle persone che ti circondano, scopriresti che la vita ha senso almeno quanto la pancetta, o i tuffi in piscina. Bilancia, questo mese propendi per concederti qualche piacere: una scopata, un’abbuffata, un vaffanculo a chi se lo merita, scegli tu. E se qualcuno che parla senza parentesi t’intimasse di darti una regolata, rispondigli con questo film:

NO

 

SCORPIONE

Sai che uno studio combinato fra storia e biologia ha dimostrato che i vampiri sono tutti Scorpioni? Hanno scoperto che il flusso di sangue umano è una funzione seconda di “x” che elevata al numero di vampiri è sempre uguale a zero. In pratica, dal momento che un vampiro cresce in base al sangue umano a disposizione, possiamo affermare, darwinianamente, che gli Scorpioni sono i vampiri più adatti alla sopravvivenza. La probabilità di essere un vampiro è quasi certa per voi. Non vi siete accorti di avere sempre sete? Di non averne mai abbastanza? Che per quanto il mondo vada più o meno bene, voi continuate a bramare di più? Siete il segno più pericoloso del mese: i vostri affetti, come richiesto, vi presteranno orecchie, ma voi mirerete al collo. Per placare la vostra sete, vi consiglio:

Thirst

 

SAGITTARIO

E fu così che l’intrepida cerbiatta spalancò le porte dell’impero e vinse l’amore di coloro che la volevano gialla.

Gialla, sì. La tua storia ha tanto senso quanto questa frase, e il bello è che tu ci credi veramente. Se non vuoi impantanarti in ragionamenti astratti quanto la trama di un porno, è meglio che, almeno per questo mese, impari a distinguere ciò che va bene da ciò che ha senso. Quante frecce del tuo arco sono selfie, post inutili, o hashtag da latte alle ginocchia? Per un volta, prova a condividere una canzone che ti piace sul serio, e non lamentarti che la metafora che uso per la tua vita sono i social. Se mi ricordi foreveralone ci sarà un motivo. Comincia dalle cose semplici. Per esempio, potresti smetterla di arrogarti il diritto di essere chi vuoi quando vuoi solo perché il tuo segno è mezzo una cosa e mezzo un’altra. Cambiarsi il nome su Facebook ogni tanto fa ridere, ma può essere anche controproducente. Pensa a quante vite più belle potresti vivere, che ne so, se decidessi di fare l’attore:

Millennium Actress

(Il trailer è orrendo, ma non ti fidare delle apparenze)

 

CAPRICORNO

“Ogni riccio è nu’ capriccio”, cantava Modugno. Così sono tutti i Capricorno. Ogni arzigogolo di quelle corna illustri, scolpito con cura dal vostro occhio Michelangiolesco, non è nient’altro che l’ennesima marachella per far male agli altri. Nella spirale di malefatte che vi portate ‘ncop’ non c’è spazio per cambiare idea, ma questa ossessione nel lucidarvi l’avorio vi porta a smussare le vostre armi migliori. Vi siete rammolliti e avvizziti, e gli altri hanno voglia di vendicarsi della vostra perfidia. Avranno le loro ragioni, ma a voi non ve ne importa. Quello che posso fare io è chiedervi, almeno, di star zitti. È un consiglio sincero, perché so bene che avete dimenticato di avere anche dei muscoli, oltre al cervello, per combattere i vostri demoni. Dato che il mondo là fuori ha deciso di contrattaccare, è il momento di avanzare a muso duro, testa bassa, occhi fissi su:

The Tribe

 

ACQUARIO

Le tue stanche gambe non reggono più il peso dei rimpianti. Orson Welles alla vostra età aveva già terrorizzato il mondo fingendo un attacco alieno alla radio, ma voi siete ormai così vecchi che è già tempo di pensare ai debiti da saldare. Ne siete pieni fino al collo, vero? Sbagliato, non è così. È quello di cui siete convinti da tutta la vita. Sono debiti che avete maturato in una catapecchia, che avete trasformato in un emporio della memoria. Avete impresso un prezzo, in euro e in dollari, su ogni ricordo, per poi andarvene, attratti da cose a caso. Adesso, siete convinti di non avere i soldi per ricomprare quei ricordi e frignate come bambini. Le soluzioni sono due. La prima è ciucciare un sigaro come Baby Herman in Chi ha incastrato Roger Rabbit, la seconda è diventare equilibristi burocrati, qualità indispensabili per gestire un’eredità. Dato che fumare fa male, vi invito a godervi lo squilibrio psichico di questo bisticcio ereditiero:

The last days of Emma Blank

 

PESCI

Tu sei l’odio incarnato per chi si occupa di cinema. Devi capire, Pesci, che La La Land sarebbe figo anche senza Ryan Goslin ed Emma Stone. Non penserai di poterti candidare all’Oscar solo per il tuo bel faccino, vero?

Quando danzi con il tuo lato oscuro prendi spunto da Black Swan per convincerti di essere all’altezza di Natalie Portman. Quando ti guardi allo specchio però, l’unico somiglianza che ti viene in mente è quella, ahimè, con Elephant Man. Sai perché non ti è mai piaciuto l’hip-pop? Perché è l’unica danza dove ti divertiresti. Finalmente non avresti più l’obbligo più danzare in coppia con te stesso, potresti liberarti una volta per tutte della paura di pestarti i piedi. Guardati Step Up! magari. Fermo, sto scherzando! Ma un saltello, anche piccolo, sull’altra sponda della tua vita, ogni tanto lo devi fare. Per provare a vedere com’è.

Dato che sai benissimo come immergerti nelle cose, è il momento di sprofondare nei volteggi metaforici di:

Scarpette Rosse

 

 

Commenti

commenti

Posted on February 1, 2017 in L'Elefante Astrologo

Share the Story

About the Author

Back to Top